(forse) Si.Può.(ri)Fare!

Vivere da sola in Italia, a 25 anni, con 450 euro al mese e a impatto zero.

Greenwashing, ovvero, ciò che mi renderà un serial-killer.

su 23 maggio 2013

Scrivo anch’io, no tu no !

Ho fatto un esperimento: su un sito in formazione cercavano pubblicisti a titolo gratuito e io mi sono offerta volontaria dopo aver letto il taglio populista e l’italiano pecoreccio di collaboratori già presenti.

Voglio vedere nascosto l’effetto che fa …E per farlo ho scritto un articolo su un argomento che volevo trattare qui da un po’.

L’articolo qui.

Invece qui c’è uno dei greenwashing index che ho scoperto recentemente.

L’antidoto migliore, però, rimane quello di allenare il senso del ridicolo.

Postilla: l’articolo è ricomparso con la dicitura “admin” al posto dell’autore. Non so per quanto lo lasceranno stare, quindi lo copio qui sotto, per i puristi dello stile che hanno voglia di vedere se il Bellotti aveva ragione a dire che l’originale era più armonioso. Secondo me aveva ragione dal momento che il successivo è stato un pachwork attorno a stralci attaccati alla mia precaria memoria. In ogni caso, ecco qua:

Greenwashing, il nuovo volto della disonestà di mercato.

Il marketing non conosce ormai frontiera alcuna: se  qualcosa fa tendenza è un peccato disdicevole non approfittarne elaborando una qualche teoria pubblicitaria avanguardistica ad hoc. E’ il caso del nuovissimo must del terzo millennio, l’attributo più cool e più fashion dell’estate: l’ecologicità, o presunta tale. Sì, il verde è di moda più che mai, ormai da una decina d’anni a questa parte le statistiche confermano un’invasione di questo colore a tutto campo: le aziende si convertono al solare per rendersi energeticamente autosifficienti, le famiglie comprano cibo biologico prodotto localmente per evitare di avere sorprese nel piatto, le dosi di carne precipitano a ritmo con la ricomparsa di aviaria e disfunzioni ormonali infantili, perfino le malate di make-up sono diventate fans dell’eco-bio ed avide lettrici di etichette zeppe di formule chimiche e le fashioniste, non da meno, preferiscono il cotone biologico.

 Ebbene, ora che persino il premio Nobel per l’economia Paul Krugman ha ammesso che la rivoluzione verde conviene, gli strategic managers non possono più girarsi dall’altra parte sorseggiando caffè al ginseng con un vago senso di disgusto di fronte ad un fenomeno ormai massificato. Ecco quindi la ricetta diabolicamente perfetta, ovvero il nodo teorico del greenwashing: se i prodotti verdi vendono di più, facciamo finta che i prodotti inquinanti non siano poi così terribili, o che lo siano meno del previsto o, meglio ancora, che non lo siano più, assottigliamo le differenze, limiamo le spigolosità del cliente, oliamo i cardini del consumatore.

A questa brillante intuizione dobbiamo la cascata di pubblicità di autovetture a benzina che sparano fiori dal tubo di scappamento; detersivi gonfi di tensioattivi che però, grazie alla nuova confezione col tappo color smeraldo, non inquinano più; aziende multinazionali famose per delocalizzazione selvaggia e sfruttamento minorile che promuovono la linea equa e solidale palliativa; nonchè l’aberrazione linguistica portata allo stremo nell’uso pedissequo della parola “naturale”, un aggettivo vuoto e truffaldino per antonomasia: il petrolio è un elemento naturale, ma difficilmente lo vorrei inserito negli ingredienti di una crema per il viso, l’olio di palma è naturale ed impazza in tutti gli alimenti nonostante sia scientificamente cancerogeno.

Non si può, tuttavia, ignorare la presenza di un happy-ending davvero gratificante, lorsignori non hanno infatti tenuto conto di un elemento fondamentale della faccenda: la tipologia psicologica di tutti i soggetti che si sono negli anni convertiti al biologico, al rinnovabile, al biodegradabile, al kilometro zero. Queste persone, o meglio, questi consumatori, mal si collegano con le teorie neoliberiste di cui gli strateghi del marketing si sono cibati ancor prima di aver pronunciato la prima parola – che probabilmente è stata “Mercato” -e non perseguono “razionalmente” il proprio benessere in contrapposizione con quello degli altri, non si lasciano comprare da un prezzo ribassato, non dimenticano il volto oscuro di chi si propone come paladino dell’ambiente e, forse più banalmente, si ricordano ancora che dal tubo di scappamento di una macchina non escono certo margherite.

Tutti coloro i quali si arrogano il diritto di sfruttare il proprio spirito critico di fronte alla messa in scena del greenwashing non hanno nemmeno bisogno di consultare le liste smascheratrici presenti sul web: davanti all’insensatezza di queste patetiche azioni – pane per gli azionisti – ridono beati e li seppelliscono letteralmente tra risate e vernice acrilica color prato.

Annunci

5 responses to “Greenwashing, ovvero, ciò che mi renderà un serial-killer.

  1. Data la sincerità vorrei ricordare che non è un sito di esperimenti, IN POCHE PAROLE SE NON TE VA’ LASCIA STA’!

    • scassandralverde ha detto:

      Ma scerziamo, certo che “me va’”. Per forza di cose, però, dovrò fare la parte di quella che canta fuori dal coro … e magari stona pure !

      Voglio dire, la vedo abbastanza inevitabile se l’articolo di punta della sezione “Politica” di ieri era sul povero berlusconiano andato sventuratamente a scuola con la maglietta del nano e apostrofato da una professoressa poco incline al dibattito.

      Non posso certo, in questo caso, difendere l’insegnante, è chiaro. Ma la cronista che smaschera la dura realtà delle magliette di Che Guevara che pullulano nelle scuole come piccioni in Piazza San Marco magari sì, dato che l’ultima l’ho vista addosso a un cinquantenne nel 2008.

      Oppure potrei obiettare che si virgolettasse l’indignazione dell’ala destra sottolineando questo sconcertante fenomeno di discriminazione delle idee altrui … capito, sì, la fazione nanesca, notoriamente razzista, omofoba, fascista e maschilista che viene addirittura citata in difesa della discriminazione.

      Sù, se non altro col mio contributo sarà garantita una certa pluralità di linguaggi ed opinioni, che la nostra Ori auspica tanto tra i banchi di scuola.

  2. scassandralverde ha detto:

    Ahahahaha ! Sono stata proprio bannata ! L’articolo è scomparso e io non posso più accedere al sito. In compenso gli articoli da sottopanza del tg1 continuanao a fioccare … dovrò riscrivere l’articolo sul greenwashing … vabbè !

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Sugar and Cinnamon

A wholefoods blog showing the sweeter side of healthy eating

IL CASALINGO MODERNO ATTO SECONDO

(HOMELESS EDITION) economia domestica ed educazione sentimentale di un disoccupato con prole

la tana del riccio

..with my own two hands..

Tranquillissimamente

consigli e idee per per una vita tranquilla

Vivere Sostenibile

Soluzioni per un nuovo modello di Vita. Scrivici le tue a info@viveresostenibile.net

parlareavanvera

i mille volti della comunicazione: tra viral e flop

girati

Vorrei fermarmi un attimo a respirare, posso?

Dad's the way I like it

From Scotland. Living in Wales. Multilingual and trying to multi-task.

Sotto il livello del mare

Blog di una olandesa

La Tana

" Ama il prossimo tuo come te stesso ". Perché pretendere da me tanto cinismo?

Circolo Città Futura

Pensare globalmente, agire localmente; nel V Municipio di Roma

Offresi lavoro, ma non troppo.

alla ventura nella terra dei cachi

E' scientificamente dimostrato

Posti del Cosmo dove non sono mai stato

Farfalle e trincee

Sulla Via della seta, tra crisi energetiche e crisi esistenziali

XI XI in Cina

Esperienze, racconti e stranezze nel celeste impero

Diario di un ansioso

L'ansia raccontata da chi ci convive

RECENSIONI FACCIALI

meno parole, più facce!

Soldato Kowalsky

Valtellina, Cina, quello che capita - Dal socialismo scientifico al socialismo nerd

domande

le domande vengono prima delle risposte

vitadapendolare

sembrano traversi(n)e ma sono opportunità

Minimoimpatto.com: le pratiche ecosostenibili

idee e consigli su come essere eco-logici nella vita quotidiana

angolo del pensiero sparso

voli pindarici sulla caleidoscopica umanità

Music For Travelers

One good thing about music, when it hits you, you feel no pain (Bob Marley)

amoleapi

Blog, api, gechi, fotografie,fiori, ricette, famiglia

ECOarcobaleno

Solo chi Sogna può cambiare il mondo.

chayudao

tea encounters

Una mamma green

Un blog per mamme (e non solo) sempre in cerca di se stesse. Un blog per mamme libere dai condizionamenti e in contatto con il proprio istinto autentico

Un cremonese in terra islandese

Un cremonese in terra islandese

SEW KATIE DID

because thread is the best glue.

Africans in China

Cultural research about Africans in Guangzhou, and beyond

Giardinaggio Irregolare

Chi scrive di giardini deve sempre avere il coraggio di dichiarare le proprie opinioni

Zone Errogene

Ogni lasciata è vinta

Stories from the underground

Come vivere senza stomaco, amare la musica ed essere sereni

Disorientamenti

Soleil cou coupé

FreeWordsTranslations

Best Quality, Fast and Professional Translations from English, French and Spanish to Italian

VETROCOLATO

I MIEI PENSIERI SONO DI VETRO COLATO, NON CI STANNO PIÙ CHIUSI IN UN CASSETTO

la Polirica

La scelta è sempre tra una peretta gigante e un panino alla merda, fin dall' inizio del mondo la partita si è sempre giocata tra una peretta gigante e un panino alla merda, solo loro hanno la faccia tosta per fare politica!

Roberto Chessa

live your dream

Segreti e virtù delle piante medicinali

Alla natura si comanda solo ubbidendole. Francis Bacon, Saggi, 1597/1625

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: