(forse) Si.Può.(ri)Fare!

Vivere da sola in Italia, a 25 anni, con 450 euro al mese e a impatto zero.

Senz’auto_ Cammino ergo sum … agGRATISe !

su 21 febbraio 2013
DSC_0273

Piedi arcobaleno fotografati da Miasorella.

PLAY>[Questo articolo l’ha scritto ‘na romana epperciò è ‘na cifra vorgare.]<PLAY

Mi faccio chiamare SCassandra e … ho dei piedi bellissimi. Porto 36, ho il secondo dito più lungo del primo e quando facevo danza classica il mio collo del piede era ampiamente invidiato dal tutto il cucuzzaro, salvo poi essere avidamente ammirato e non solo da un’imprecisato numero di feticisti/e. Ma non è per questo che sono grata di averli, è piuttosto per il fatto che mi hanno sostenuto,  portato in un sacco di posti eccetera … AGGRATISE.

L’accento non perdona e io sono nata 24 anni fa sull’isola tiberina, in un eremo del mondo in cui si usa l’auto dalla maturità alla tomba anche per andare a pisciare. Se sei un uomo e non hai la macchina devi averlo davvero grosso … se sei una donna e il tuo uomo non ha la macchina sei una poraccia e ti devi mettere a raccontare quanto ce l’ha grosso interrompendo prepotentemente quella che aveva aperto il discorso con “Giancrescenzio si fa il Mercedes a marzo !!!”. Se sei una donna single e hai la macchina, non sei una zitellona, sei una donna indipendente e se sei un uomo single con una macchina figa, non sei single, sei un cacciatore. Se sei gay ci prendi le botte dai picchiatori di turno o gli esorcismi dai baciapile, indipendentemente dalla macchina … ma questa è un’altra questione. A Roma si percorre orgogliosamente un chilometro e mezzo in 27 minuti poco prima dell’ora di punta (che culo!), si passano 45 minuti a cercare parcheggio, si bestemmia, si paga il tassametro, si corre e quando si arriva ci si imbatte in quella stronza di SCassandra che un quarto d’ora fa era ancora in pantofole a Roma Sud e che ci aspetta leggendo un libro con la faccia serafica del “Sei un coglione”.

Ebbene, dopo anni di piedi, bici e mezzi pubblici mi sono trasferita a Venezia, una città in cui le bici sono illegali nel vero senso del termine, in cui una corsa in vaporetto costa 7 euro senza tessera e la tessera costa 40 euro per tre anni più un euro e trenta a corsa. Tutti ‘sti sordi … per fare il tragitto assardinati dentro al risciò dell’acqua risparmiando tutto sommato pochi minuti e la possibilità di evitare le palestre per il resto della propria vita. E ‘nzomma …

Questo per introdurre un’indagine dei costi che non riguardano noi PIEDONI e che ho svolto intervistando “macchinisti” vari. Da notare: alla fine dell’intervista erano spesso loro stesso interdetti sui costi effettivi … perchè uno mica ce penza !

 Ebbene, tutto ha inizio con l’acquisto di una macchina: una macchina a benzina usata ma non distrutta può essere reperita per un migliaio di euro; una macchina a gas usata ma non ditrutta se la fanno pagare sui 4000; un’ibrida, per chi è seguace della truffa del secolo dopo l’Igiene, costerà una decina di migliaia di euro contando gli ecoincentivi.

Tra bollo e assicurazione cointestata, ovvero la soluzione meno costosa, ci si aggira attorno ai 500 all’anno, sennò siamo sul doppio andante.

La manutenzione annuale si aggira su una media di 800 euro annui.

Quindi, il primo anno, senza esserci ancora nemmeno entrati e con un manutentore che ve la viene a manutenere a casa, per non dover aggiungere costi sulla benzina, senza parlare di tassametro o – peggiomesento – box … avete speso da un minimo di 2300 euro ad un massimo di 5300.

 Poi succede che avendo un’auto decidete di montarci sù ed iniziare ad usarla. Qui abbiamo due possibili scenari:

Scenario campagnolo: si abita in un luogo decentrato e dal clima ostile che rende oggettivamente avventuroso recarsi al lavoro, a scuola, a fare la spesa ecc. a piedi o con mezzi alternativi. L’uso è dunque quotidiano e continuo, si percorrono una media di 2000 chilometri al mese che, con una macchina da 20 km/l e con il carburante (gas) a 1.7 diventa una spesa di 170 euro mensili, 2040 annuali. Se la benzina è a 1.8 e la macchina fa 15 km/l il costo mensile schizza a 254 euro al mese, per 3040 annui. Quindi la spesa del primo anno va da un minimo di 4340 euro a 8340.

Scenario urbano: se vivi in città e possiedi un cervello percorri tra i 600 e i 7200 km al mese facendo della tua auto un uso discontinuo. Il consumo è tuttavia maggiore a causa del fatto che il traffico, i semafori ed il rischio di ammazzare i pedoni o sè stessi costringono il povero automobilista a starsene buono buono sotto i 60 kn/h. Se quest’ultimo va a benzina (1.8) con un consumo di 12 km/l mi spenderà sui 1140 al mese; col gas (1.7) e un consumo di 17 km/l, ci abbassiamo a 762. Questo, nel nostro ipotetico primo anno vorrebbe dire spendere tra i 4050 euro circa e i 6100 circa.

E questo senza che abbiate fatto nemmeno un chioppo ! Niente incidenti, niente pedaggi, niente parcheggi a pagamento, niente multe !!!

Vabbè, Scassa’, ci hai convinto … mo ci facciamo tutti la macchina a gas !

Essì, se si hanno i 4000 iniziali … se si può rinunciare ad un bagagliaio di media grandezza, che viene devoluto in serbatoio … se si hanno distributori a portata di mano e se si evitan i paesi europei che non li hanno … se si evitano i parcheggi multipiano …

Poi, per me che abito a Venezia e guadagno 600 euro al mese di media il problema non si pone proprio. Ma se penso che in un futuro potrei usare i 4000 euro di una macchina per viaggiare, o per andare al cinema, a teatro o a cena fuori più spesso, oppure per permettere ai miei figli di suonare uno strumento o di praticare uno sport …

… A me la scelta senbra economicamente obbligata. Senza che mi metta qui a fare pipponi improbabili sull’aria inquinata, l’industria del petrolio, le guerre energetiche, la mobilità, lo strees, le forme di mobilità alternative, la comunità, la collettività, la qualità della vita, la sostenibilità, il futuro, l’etica, la morale, il rispetto e il senso di responsabilità intergenerazionale … tanto di ‘ste stronzate non gliene frega niente a nessuno. Ho voluto appositamente fare un ragionamente DE PANZA.

[questo articolo è stato scritto conn affettuoso cinismo nichilista per quei sognatori di Senz’auto]

DSC_0443

Piedi 36 in scarpe 44/45 del Miomone.

Annunci

11 responses to “Senz’auto_ Cammino ergo sum … agGRATISe !

  1. raimondorizzo ha detto:

    sei stato nominato per il Very Inspiring Blogger Award 2013 Complimenti!

  2. Miomone ha detto:

    e a quanto le vendi ‘ste machine, sorè?

  3. eleonora ha detto:

    Scassandra mitica!!! come sai sono una ‘donna indipendente’ de Romaaaa … eh si mi sono fatta frega’: dopo aver trovato lavoro a 25km da casa e 1h e 30 di percorrenza coi mezzi ho comprato la Smart!!! non mi uccidere : era quella con più basse emissioni/ bassi consumi e piccola( nn ho certo il box auto!) lo so il marketing la rottamazione e altre chimere subliminali mi hanno fatto comprare la macchinetta nuova (euforia da lavoro nuovo) : comunque in offerta l’ho pagata un botto e manutenzione costa un botto ma ho fatto dei progressi: faccio Car Sharing con una collega e a volte prendo i mezzi x andare al lavoro ho l’abbonamento metrebus e lo uso tutte le volte che posso anche la sera e così ho fatto 6000 km lo scorso anno… si mi costava meno andare in taxi hai ragione… ma ho grosso margine di miglioramento: e un posto in macchina se ti serve!

  4. Luca ha detto:

    Se posso permettermi…. Bei piedi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Sugar and Cinnamon

A wholefoods blog showing the sweeter side of healthy eating

IL CASALINGO MODERNO ATTO SECONDO

(HOMELESS EDITION) economia domestica ed educazione sentimentale di un disoccupato con prole

la tana del riccio

..with my own two hands..

Tranquillissimamente

consigli e idee per per una vita tranquilla

Vivere Sostenibile

Soluzioni per un nuovo modello di Vita. Scrivici le tue a info@viveresostenibile.net

parlareavanvera

i mille volti della comunicazione: tra viral e flop

girati

Vorrei fermarmi un attimo a respirare, posso?

Dad's the way I like it

From Scotland. Living in Wales. Multilingual and trying to multi-task.

Sotto il livello del mare

Blog di una olandesa

La Tana

" Ama il prossimo tuo come te stesso ". Perché pretendere da me tanto cinismo?

Circolo Città Futura

Pensare globalmente, agire localmente; nel V Municipio di Roma

Offresi lavoro, ma non troppo.

alla ventura nella terra dei cachi

E' scientificamente dimostrato

Posti del Cosmo dove non sono mai stato

Farfalle e trincee

Sulla Via della seta, tra crisi energetiche e crisi esistenziali

XI XI in Cina

Esperienze, racconti e stranezze nel celeste impero

Diario di un ansioso

L'ansia raccontata da chi ci convive

RECENSIONI FACCIALI

meno parole, più facce!

Soldato Kowalsky

Valtellina, Cina, quello che capita - Dal socialismo scientifico al socialismo nerd

domande

le domande vengono prima delle risposte

vitadapendolare

sembrano traversi(n)e ma sono opportunità

Minimoimpatto.com: le pratiche ecosostenibili

idee e consigli su come essere eco-logici nella vita quotidiana

angolo del pensiero sparso

voli pindarici sulla caleidoscopica umanità

Music For Travelers

One good thing about music, when it hits you, you feel no pain (Bob Marley)

amoleapi

Blog, api, gechi, fotografie,fiori, ricette, famiglia

ECOarcobaleno

Solo chi Sogna può cambiare il mondo.

chayudao

tea encounters

Una mamma green

Un blog per mamme (e non solo) sempre in cerca di se stesse. Un blog per mamme libere dai condizionamenti e in contatto con il proprio istinto autentico

Un cremonese in terra islandese

Un cremonese in terra islandese

SEW KATIE DID

because thread is the best glue.

Africans in China

Cultural research about Africans in Guangzhou, and beyond

Giardinaggio Irregolare

Chi scrive di giardini deve sempre avere il coraggio di dichiarare le proprie opinioni

Zone Errogene

Ogni lasciata è vinta

Stories from the underground

Come vivere senza stomaco, amare la musica ed essere sereni

Disorientamenti

Soleil cou coupé

FreeWordsTranslations

Best Quality, Fast and Professional Translations from English, French and Spanish to Italian

VETROCOLATO

I MIEI PENSIERI SONO DI VETRO COLATO, NON CI STANNO PIÙ CHIUSI IN UN CASSETTO

la Polirica

La scelta è sempre tra una peretta gigante e un panino alla merda, fin dall' inizio del mondo la partita si è sempre giocata tra una peretta gigante e un panino alla merda, solo loro hanno la faccia tosta per fare politica!

Roberto Chessa

live your dream

Segreti e virtù delle piante medicinali

Alla natura si comanda solo ubbidendole. Francis Bacon, Saggi, 1597/1625

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: